Andrea Pamparana ci parla del suo "amico" Net
Scritto da Pietro Antonucci
Martedì 12 Marzo 2019 22:18
PDF Stampa E-mail

Proseguono le iniziative letterarie e gli incontri con i grandi nomi della scrittura e dell'informazione organizzati dall'associazione "Gottifredo".

Il prossimo appuntamento è in calendario venerdì 15 marzo 2019, sempre presso la sede del CoWorking "Gottifredo" in via Emanuele Lisi, 2 (inizio fissato alle ore 18).

Ospite della serata sarà il giornalista, volto conosciuto del Tg5, Andrea Pamparana (nella foto, a sinistra), che presenterà il suo libro "Il mio amico Net", edito per i tipi della "Aracne edizioni".

A moderare l'incontro sarà Anna Rita Pelorossi.

Il libro, scritto in collaborazione con il dottor Antonio Bianchi è il racconto a quattro mani di un'esperienza clinica, di una malattia, delle cure per combattere una rara forma di tumore, il Net, o tumore neuroendocrino. Il narratore è un giornalista e scrittore. Che qui però si trova nelle vesti di paziente affetto da un Net intestinale. L’altro narratore è il suo medico, un endocrinologo specializzatosi nei Net. Sullo sfondo il centro di eccellenza in Italia per la diagnosi e cura dei Net, presso il policlinico "Agostino Gemelli" di Roma, con i diversi specialisti che formano il team multidisciplinare: oncologi, chirurghi, gastroenterologi, endocrinologi, endoscopisti, clinici internisti. Coinvolti in questo libro attraverso interviste esplicative dello sviluppo della ricerca, della diagnosi preventiva, delle cure, sia dal punto di vista chirurgico, sia chemioterapico.

Emozioni, sensazioni, paure, ottimismo alternato a pessimismo. L’ingresso in poche ore da un modo di pensare la propria vita ad un altro opposto, segnato dalla presenza di una parola che ancora oggi mette paura: il tumore. Con i suoi corollari di ansia e sofferenza: chemioterapia, esami specialistici invasivi come la modernissima e risolutiva Pet con il gallio, le Tac, gli esami del sangue periodici per pesare i vari marcatori tumorali. Le conseguenze dirette e indirette, anche a livello psicologico, di una cura che il paziente si augura possa durare il più a lungo possibile, segno di sopravvivenza. Per un mal curato Net a livello del fegato è morto uno dei grandi geni del nostro tempo, il fondatore di Apple, Steve Jobs.

Ma qui l’autore/paziente affronta anche il nuovo importante tema del potere delle emozioni nella quotidiana lotta contro il tumore in generale e questa forma particolare, il Net.

I capitoli si alternano in una visione generale della malattia: il paziente narratore e il suo medico, l’endocrinologo. Uno che racconta di sé, l’altro pure. Insieme formano una coppia di amici che ha un obiettivo comune: parlare agli altri del Net, sfatare certe leggende negative, fare chiarezza nel modo più semplice, sapendo di rivolgersi non a specialisti del settore ma alla gente. Intervallando interviste, sempre con linguaggio alla portata di tutti, ai protagonisti di questa battaglia, al team anti Net, centro di vera eccellenza internazionale, del policlinico "Gemelli" di Roma.

La prefazione è del professor Alfredo Pontecorvi, primario di endocrinologia al Policlinico Gemelli, responsabile del Centro Net e direttore della Sanità della Città del Vaticano.

L'ingresso al CoWorking "Gottifredo" in occasione della presentazione è da intendersi a titolo libero.