Chiesa di Santa Maria Maggiore
Scritto da Pietro Antonucci
Giovedì 23 Febbraio 2012 21:28
PDF Stampa E-mail

È, per storia e tradizione, la chiesa più importante della città.

Fu innalzata sui ruderi di un tempio pagano verso la metà del V secolo e deve il suo attuale aspetto alle trasformazioni operate nella prima metà del XIII secolo da maestranze borgognoni.

La facciata a capanna presenta i caratteri tipici dell'architettura gotica francese, specie nel portale principale; da ammirare il grande ed originale traforo del rosone.

L'interno, severo ed essenziale, rivela sia l'originaria impronta romanica che le successive aggiunte gotiche grazie ad una sintesi mistilinea armoniosa e felice.

La chiesa è ricca di opere d'arte: il gruppo ligneo della Madonna di Costantinopoli (XII secolo), capolavoro dell'arte romanica; il trittico del Redentore (XV secolo) dipinto da Antonio da Alatri; il medievale fonte battesimale; il dipinto giottesco della Madonna della Libera (XIV secolo), immagine sacra tra le più venerate in città; il tabernacolo rinascimentale.

Nella foto in alto: prospetto della Chiesa di Santa Maria Maggiore

Nella foto a sinistra: la Madonna di Costantinopoli

Nella foto a destra: il particolare del rosone