La scoperta dell'idolo dei Templari
Scritto da Pietro Antonucci
Venerdì 27 Gennaio 2012 00:47
PDF Stampa E-mail

Frutto di un lungo lavoro e di una ricerca sistematica, che porta fino a testimonianze storiche in Palestina, con quest'opera Gianfranco Manchìa, già direttore del museo civico locale, scrive un'importante pagina sul dipinto del “Cristo nel labirinto” che sta affascinando il mondo accademico. Il soggetto principale rimane la raffigurazione sacra, ma l'autore dedica ampio spazio alla cosmografia, ai graffiti e alle iscrizioni presenti. Ne viene fuori un pregevole volume, ricco di una corposa ed attenta documentazione fotografica, che rimanda a sette gnostiche e ai cavalieri templari. E la tesi finale è un'incredibile rivelazione: l'affresco è l'unico esempio dell'idolo che fu oggetto delle accuse di eresia nel processo che portò all'abolizione dell'Ordine templare.

Autore:  Gianfranco Manchìa

Prezzo:  12,00

Dati:      Pagine 64 – formato 15x21 cm  rilegato filo refe

Editore:   Palombi Editori Roma (2011)

Per l'acquisto fare richiesta attraverso l'e-form contenuto nel sito

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Giugno 2012 15:32